Intonaco e rete in GFRP

Consolidamento di murature esistenti tramite l’applicazione di reti in GFRP.

Intervento di rinforzo per le murature che consiste nell’applicazione di una rete GFRP (composta da fili in fibra di vetro incollati tra loro mediante l’utilizzo di una resina termoindurente) su entrambe le facce della parete in muratura, annegata in uno stato di malta cementizia.

La procedura di applicazione della tecnica di rinforzo consiste nelle seguenti fasi:

  1. rimozione dell’intonaco esistente e della malta dai giunti tra gli elementi di muratura (10-15 mm in profondità), da entrambe le facce del pannello,
  2. applicazione di un primo strato di intonaco (rinzaffo),
  3. esecuzione di fori passanti, con diametro pari a 25 mm per consentire l’inserimento dei connettori,
  4. applicazione della rete in GFRP su entrambe le facce del pannello;
  5. inserimento nei fori dei connettori ad “L” in GFRP (di sezione 8×12 mm) ed iniezione di resina epossidica tixotropica per solidarizzare i connettori;
  6. applicazione di un nuovo strato di intonaco di malta bastarda. Lo spessore totale dell’intonaco è di circa 30 mm per le murature in mattoni (superficie regolare) mentre viene presa pari a 40 mm nelle murature in pietra (differente pezzatura degli elementi resistenti).

Tale tecnica produce un significativo aumento della resistenza di picco e incrementa sostanzialmente le capacità dissipative delle murature oggetto di intervento.